image001.gif                                                                                                                                           

 

(seconda parte)Sopra i 2000

DSCN2154.JPG

SCHEDA

DSCN2150.JPG

 

Passo delle Sette Crocette (m 2041), da Montecampione.

Quella del Passo delle Sette Crocette è un’escursione molto bella che si svolge in un ambiente davvero piacevole e montanaro, con prati verdissimi, malghe, rocce rosse, rododendri coloratissimi, acqua e marmotte a volontà, e che ricalca parte del Sentiero delle Tre Valli Bresciane (Valle Camonica, Val Trompia e Valle Sabbia).
In pratica tutta la gita si svolge ad una quota che varia dai 1750 ai 2050 metri circa, con bei panorami in tutte le direzioni e consente anche il passaggio, durante il ritorno, dal bel Bivacco Marino Bassi dove e possibile fare sosta o pernottare.
Il luogo è molto suggestivo e circondato da un'alone di mistero (sull'origine del manufatto), dove su un muretto in pietra a secco vi sono conficcate 7 piccole croci, probabilmente legate a vicende di briganti o di pastori. Il Monte Crestoso è la cima più elevata della zona coi suoi 2207 metri e dal passo delle Sette Crocette è raggiungibile in meno di mezz’ora.
Il Passo delle Sette Crocette è altresì comodamente raggiungibile sempre col
3V anche dal Pian delle Baste, zona di passaggio della SS 345 delle Tre Valli e che collega il Passo di Crocedomini al Maniva.

 

Itinerario:

Come per le escursioni al Monte Crestoso e al bivacco M. Bassi, la partenza avviene dal parcheggio di Montecampione 2 situato a quota 1745 m.s.l.m. e ne ricalca in parte il tragitto: si sale sulla stradetta inizialmente asfaltata fino alla cosiddetta stanga del Bassinale (m 1897) dove, ignorata la deviazione a sinistra verso il Dosso dello Sparviero, si continua dritti e leggermente in discesa sulla sterrata, che qui è anche Sentiero 3V (variante bassa) identificato dai segni bianco-azzurro, fino a superare la malga Rondeneto e ad entrare poco dopo nella zona delle foreste di Valgrigna, segnalata da un cartello. Ben presto alcuni tornanti in discesa conducono al Rif Malga Rosello di sopra (m 1690).

Il Sentiero 3V abbandona la strada che scende al Silter di Gianico e prosegue verso nord-est, con saliscendi sulle pendici boscose del Monte Stabil Fiorito, raggiungendo in circa 2 ore dalla partenza i pascoli  e la baita ristrutturata della località Rossellino , nell’omonima piccola valle. Si rimane sul sentiero delle 3 Valli che, superata la costruzione, prosegue verso nord-est ed inizia a salire con più decisione raggiungendo un ampio pianoro alla quota di circa 2000 metri, dove nei pressi della Nicchia di S.Glisente, incrocia vari sentieri. Si svolta a destra ed in pochi minuti si raggiunge il Passo del Crestoso e quindi mantenendo la direzione del sentiero bianco-azzurro in altri venti minuti circa si arriva al Passo delle Sette Crocette (m 2041); ampio il panorama circostante, dove lo sguardo spazia su tutta l’Alta Valle Trompia e Valle Camonica.

 

Percorso sin dai tempi antichi, il morbido passo è caratterizzato da un muretto in pietra a secco con infisse sette piccole croci in ferro, con un cippo datato 1668. Attorno a queste crocette aleggiano oscure leggende che parlano di streghe e di banditi; la più attendibile fa risalire le sette croci all’uccisione di sette uomini, forse contrabbandieri. Ha segnato un’importante via di collegamento fra l’alta Val Trompia e la Val Grigna (tributaria laterale della Valle Camonica) ed è stato un percorso attraverso il quale venivano praticati il commercio dei prodotti dell’alpeggio ed il passaggio del bestiame.

 

Dopo la doverosa sosta ci si incammina verso il non lontano bivacco Marino Bassi, ma non facendo a ritroso l’ultimo tratto di sentiero, perché vale veramente la pena scendere sui magnifici pascoli della malga Stabil Fiorito (m 1898); si imbocca perciò il sentiero CAI 775 che degrada dolcemente verso il già visibile alpeggio, con gran visuale sul Dosso Betty e verso le montagne adamelline. Un sentiero (CAI 788), poco prima della malga, consente di raggiungere facilmente il Passo del Crestoso, già visto all’andata e quindi ritornare nei pressi della nicchia di S.Glisente. Il sottostante Biv M.Bassi (m 1920) si raggiunge in pochissimi minuti col sentiero CAI 730/740.

 

il Bivacco Marino Bassi è una struttura ubicata nell’alta Val di Fra, a 1.920 metri di quota, su uno splendido altipiano che permette di godere di bellissimi panorami. Si trova a ridosso della “Nicchia di San Glisente”, dove si racconta sia stato temporaneamente deposto il corpo del santo, trafugato dagli abitatanti di Bovegno dalla sua tomba originale prima di essere recuperato dagli abitanti di Berzo Inferiore, per poi essere tumulato nella chiesa di San Lorenzo. Il bivacco - raggiungibile da Esine, Montecampione e dal Maniva - è gestito dall’associazione esinese “Lupi di San Glisente”  che ogni anno organizza la tradizionale festa. Dispone di 12 posti letto e di acqua corrente ed è aperto tutto l’anno, anche se nel periodo invernale l’erogazione dell’acqua viene necessariamente sospesa. L’impianto di illuminazione è alimentato da pannelli fotovoltaici e la sua dotazione comprende inoltre una cucina con stufa, lavello e attrezzature varie ed una legnaia. Tutti possono usufruire delle provviste e di quanto offre il bivacco, purché l’utilizzo venga fatto in modo corretto ed adeguato. 

Contatto Lupi di San Glisente    Tel: 3425798045   e-mail: info@lupidisanglisente.it  sito Internet: www.lupidisanglisente.it

In circa 2 ore o poco più, si ritorna alla macchina e a Montecampione, imboccando sotto al bivacco (verso sinistra scendendo) il sentiero non numerato che, velocemente, permette di attraversare la testata della Val di Frà e il suo torrente e ritornare alla località Rossellino. Si segue quindi a ritroso il tragitto dell’andata.

 

 

guarda le foto                                                                                     Cartografia Ingenia        mappa

Partenza

quota

Arrivo

quota

dislivello

max

Tempo

Km

Difficoltà

Data

Montecampione 2

1745

Passo 7 Crocette

2041

296

504

h. 3.00

E

11/08/2016

 Nota: il tempo è riferito alla sola salita o all’andata!

 

 

 (seconda parte)Sopra i 2000